Normalmente occorrono 15 minuti per ottenere il servizio richiesto o comunque per ricevere un'ulteriore comunicazione via email da parte di Prontocatasto.

Per richiedere una visura catastale seleziona una tra le cinque modalità di ricerca in base ai dati che conosci:

  • ricerca per persona fisica proprietaria
    se il fabbricato o il terreno è di proprietà di un privato occorre inserire obbligatoriamente tipo di immobile, provincia e comune dove è sito l'immobile, nome, cognome e codice fiscale o in alternativa data di nascita del proprietario.
  • ricerca per persona giuridica intestataria
    se il fabbricato o il terreno è intestato ad una società occorre inserire obbligatoriamente tipo di immobile, provincia e comune dove è sito l'immobile, denominazione e partita iva della società intestataria
  • ricerca per dati catastali dell'immobile
    se conosci i dati catastali del fabbricato o del terreno occorre inserire obbligatoriamente tipo di immobile, provincia e comune dove è sito l'immobile, sezione, foglio, particella (o mappale) e subalterno
  • ricerca per indirizzo del fabbricato
    se conosci l'indirizzo del fabbricato occorre inserire obbligatoriamente provincia e comune dove è sito l'immobile e l'indirizzo
  • ricerca per numero partita dell'immobile
    se conosci il numero partita occorre inserire obbligatoriamente tipo di immobile, numero di partita, provincia e comune dove è sito l'immobile e facoltativamente la sezione
Si fa presente che, per ogni richiesta eseguita, viene fornito al più un singolo documento catastale, in particolare:
  • se la ricerca effettuata su tutte le provincie italiane evidenziasse la presenza di beni immobili in più provincie o comuni, verrà inviato un elenco contenente il dettaglio di tali provincie e comuni attraverso il quale potrai comunicarci la provincia o il comune di tuo interesse;
  • se la ricerca effettuata per dati catastali senza il subalterno evidenziasse la presenza di più immobili, verrà inviato un elenco contenente il dettaglio dei subalterni trovati attraverso il quale potrai comunicarci l'immobile di tuo interesse;
  • se la ricerca effettuata per indirizzo evidenziasse la presenza di più immobili, verrà inviato un elenco contenente il dettaglio degli indirizzi trovati attraverso il quale potrai comunicarci l'immobile di tuo interesse.
Le ricerche storiche per persona fisica o giuridica su tutto il territorio nazionale vengono effettuate solo tramite il codice fiscale al fine di evitare eventuali omonimie presenti nei registri del Catasto.

Il servizio è attivo dal lunedì al sabato dalle ore 08:00 alle ore 21:00, festività escluse.
E' comunque possibile effettuare la richiesta del servizio in qualsiasi orario; le richieste pervenute al di fuori degli orari di apertura verranno lavorate a partire dalle ore 08:00 del primo giorno lavorativo disponibile.

Il documento relativo al servizio richiesto, la fattura di acquisto ed ogni altra eventuale comunicazione saranno inviate all'indirizzo email che indicherai in fase di compilazione dei dati di fatturazione.

Si fa presente che possono verificarsi ritardi causati da disservizi della banca dati telematica dell'Agenzia del Territorio o ritardi dovuti a disservizi dei gestori delle piattaforme informatiche coinvolte. Pertanto tale tempistica è da ritenersi puramente indicativa e non impegna a nessun titolo Prontocatasto.

Il prezzo per ottenere il servizio è di € a cui vanno aggiunti l'IVA calcolata al 22% e i tributi pari a € che sono IVA esenti.
Il prezzo totale è dunque di € .

Il servizio include già fino a 10 beni immobili.

Il costo del servizio verrà addebitato anche nel caso in cui la ricerca con i dati forniti dia esito negativo.
Il Cliente avrà però la possibilità di effettuare un'ulteriore ricerca fornendo altri dati per il medesimo servizio entro 48 ore dalla ricezione dell'esito negativo.

Se la ricerca restituisse un numero di beni immobili superiore a 10 verrà richiesta una integrazione per ogni gruppo di 10 immobili o frazione di 10; in tal caso verrà inviata una email comunicandoti il costo aggiuntivo e la modalità per procedere all'acquisto.

Il costo di tale integrazione è di € 1,50 a cui vanno aggiunti l'IVA calcolata al 22% e i tributi pari a € che sono IVA esenti.

La visura catastale è un documento fornito dalla banca dati telematica dell'Agenzia del Territorio che fornisce informazioni censuarie degli immobili, siano essi fabbricati o terreni, presenti sul territorio nazionale. La ricerca si può effettuare su uno o più comuni, su un'intera provincia o su tutto il territorio nazionale, ad esclusione delle provincie di Bolzano e Trento.

I dati presenti in una visura catastale sono suddivisi nelle seguenti sezioni:

  • dati identificati dell'immobile: comune, sezione urbana, foglio, particella e subalterno
  • dati di classamento dell'immobile: categoria catastale, classe, numero di vani e/o superficie in mq, zona censuaria con eventuale microzona, consistenza, rendita o reddito dominicale per i terreni
  • altri dati: indirizzo, anagrafica del proprietario, nudo proprietario, eventuale usufruttuario dell’immobile e annotazioni varie
Le principali informazioni ottenute sono dunque relative ai dati identificativi e reddituali di beni immobili nonché i dati anagrafici dei proprietari.

Le ricerche per persona fisica e persona giuridica possono essere effettuate sia in modalità semplice, ottenendo la situazione catastale attuale, e sia in modalità storica ottenendo tutte le variazioni nel tempo storicamente registrate per quell'immobile sino ad oggi.

Sebbene l'Agenzia del Territorio tenti di mantenere aggiornata la propria banca dati telematica all'ultimo giorno feriale, bisogna considerare che è possibile che vi siano alcune informazioni non corrette.
Pertanto le visure catastali hanno rilevanza fiscale ma non hanno valenza legale.

29/11/2016 - La data del 16 dicembre è il termine ultimo per il pagamento di Imu e Tasi 2016. Il calcolo per il saldo da pagare necessita del valore della rendita catastale reperibile dalla visura catastale dell'immobile di interesse. Tale valore va rivalutato prima del 5% e va poi moltiplicato per l'apposito coefficiente: 160 per le prime case ed eventuali pertinenze, 55 per i negozi, 135 per i terreni e 75 per quei terreni agricoli appartenenti a coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali. Al risultato va poi applicata l'aliquota Imu e Tasi delibarata dal proprio Comune di residenza ed infine vanno considerate le detrazioni da sottrarre.

10/05/2016 - Secondo la recente sentenza 9320 della CdC, in caso di rogito relativo ad un mutuo fondiario, il notaio non deve limitarsi ad accertare la volontà delle parti e alla stesura e compilazione degli atti, ma deve effettuare anche tutte le verifiche immobiliari al fine di accertare che sul bene possa essere regolarmente iscritta l'ipoteca attraverso le opportune visure catastali e ipotecarie necessarie per la corretta identificazione del bene e la verifica che sullo stesso non gravi alcun vincolo.

22/03/2016 - Qualora si rendesse necessario il riclassamento di un immobile, la Suprema Corte ha dichiarato nulla qualsiasi richiesta i cui atti siano privi di motivazione. Con la sentenza 6593/2015 infatti si afferma che il provvedimento deve contenere necessariamente: l'indicazione dei rapporti tra valore catastale e quello di mercato nella microzona di riferimento, l'indicazione delle trasformazioni edilizie, l'indicazione dei fabbricati, del loro classamento e delle caratteristiche analoghe che li rendono simili all'immobile oggetto di riclassamento.

22/12/2015 – Con la sentenza 414/2015 la Commissione Tributaria Provinciale di Varese ha evidenziato come non pagano l'Imu le pertinenze di abitazioni sebbene non risultino tali al Catasto. Per "pertinenza" bisogna menzionare l'art. 817 del Codice Civile il quale afferma che le pertinenze sono cose destinate in modo durevole al servizio di un'altra cosa e pertanto bisogna far riferimento allo stato di fatto e non alle risultanze catastali.

09/11/2015 - In base al Dpr n.138/1998 a partire da oggi nella visura catastale sarà disponibile la superficie catastale nelle visure degli immobili censite nelle categorie dei Gruppi A, B e C. Sarà inoltre disponibile nella visura catastale anche la superficie ai fini TARI, che permette ai cittadini di verificare i dati utilizzati dai Comuni per il controllo della tassa rifiuti. Tale superficie TARI per le sole abitazioni non tiene conto di balconi, terrazzi e altre aree coperte di pertinenza.

27/10/2015 - La variazione della classe e della categoria di un immobile, afferente la modifica della relativa visura catastale, deve essere sempre ben motivata, diversamente non può essere ritenuta valida. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 12024/2015. Nello specifico infatti non veniva considerato il parere del CTU nominato dal tribunale per la perizia, come anche l'esistenza di unità comparabili censite nei fogli di mappe adiacenti.

04/03/2015 - Il disegno di legge "Guidi" sulle liberalizzazioni varato nell'ultimo Consiglio dei Ministri prevede che le visure catastali e ipotecarie per la redazione degli atti e delle dichiarazioni relative alla compravendita e le comunicazioni dell'avvenuta sottoscrizione degli stessi agli uffici competenti siano a carico della parte acquirente, donataria o mutuataria. Inoltre si legge che le transazioni immobiliari ad uso non abitativo di valore catastale inferiore o uguale a centomila euro potranno avvenire senza rogito notarile.

06/02/2015 - Come è ormai noto, il Governo Renzi ha dato il via, tra le altre novità in materia fiscale, ad una profonda riforma del catasto che entro i prossimi 5 anni impatterà presumibilmente circa 62 milioni di immobili. E' infatti al vaglio il ricalcolo delle rendite catastali al fine di approssimarle ai reali valori di mercato.

Ricordiamo che la rendita catastale è quel valore, presente nella visura catastale, necessario al corretto calcolo delle imposte sui beni immobili come imu, iuc e tasi. Conoscere tale valore è importante non solo in relazione ai propri immobili ma anche in fase di compravendita di immobili di terze parti per conoscerne il valore e sapere in anticipo quanto si pagherà di tasse.

L'algoritmo utilizzato è ancora in fase di studio da parte degli esperti ma è certo che verranno considerati, tra gli altri parametri, anche i redditi medi di locazione, la localizzazione urbana o rurale, le caratteristiche architettoniche, la destinazione catastale, la localizzazione territoriale e geografica di ogni immobile preso in considerazione. Stando alle proiezioni di autorevoli quotidiani, è previsto un aumento delle rendite anche del 180%.

Man mano che verranno calcolati i nuovi valori, essi verranno comunicati ai legittimi proprietari attraverso apposite pubblicazioni sull'albo pretorio ed anche attraverso le PEC per coloro che ne avranno preventivamente comunicato l'indirizzo email. Naturalmente, nel caso il nuovo valore non “convinca” i proprietari, essi avranno modo di far ricorso entro 120 giorni dalla comunicazione prima attraverso una mediazione con la stessa Agenzia delle Entrate e successivamente con il giudice tributario.

Le visure catastali sono pertanto un importantissimo strumento per conoscere lo stato catastale di un immobile fornendo, oltre alla rendita, anche i metri quadri o il numero di vani, la classe, la categoria e i dati anagrafici dei proprietari/intestatari con le loro quote di possesso.

Valutazioni dei clienti: 4,9 / 5
Leggi le 102 opinioni
Voglia di risparmio ?
Scopri gli abbonamenti